Image

ELGAR Concerto per violoncello in Mi minore op.85, 1° movimento

Amit Peled tratta l’intenzione, la tecnica ed i punti critici del primo tempo di questo capolavoro del repertorio per violoncello e orchestra. In particolare si concentra sull’uso dell’archetto, sulla postura e sull’interpretazione del movimento.

L’"Area Magica" dell’archetto, comparata all’"Area di Base". Come sviluppare questa particolare abilità.

 

Storia del Concerto

Elgar compose questa iconico pezzo del repertorio per violoncello durante il periodo successivo alla Prima Guerra Mondiale, quando la sua musica era in un certo senso passata di moda tra il pubblico che frequentava i teatri. Il suo Concerto è prevalentemente elegiaco e contemplativo, e rappresenta al tempo stesso il dolore e la sepolta ma viva voglia di rinascita, a dispetto della tragedia esteriore ed interiore lasciata dalla guerra.

La prima esecuzione fu un disastro, dovuto più che altro al fatto che sia Elgar che gli orchestrali vennero privati del tempo necessario per le prove. Ed il Concerto non ottenne molta popolarità fino a gli anni Sessanta, quando Jaqueline Du Prè lo registrò, catturando l’attenzione del pubblico e facendone un best seller del repertorio classico. Da allora, i più importanti violoncellisti lo hanno suonato e registrato, a partire da Pablo Casals in poi.

Qui possiamo apprezzare la semplice eppure fondamentale tecnica che il Maestro Peled ha battezzato “Push and Pull”.

 

Scopi principali della Masterclass

Amit Peled è uno tra i più innovativi docenti di iClassical Academy. Il suo metodo è basato su alcuni semplici punti cardinali, tra i quali troviamo una lista di regole estremamente pratiche da aggiungere al proprio repertorio tecnico; per quanto riguarda l’archetto, si può notare come la posizione di spalle e gomito possano modificare il suono. Peled insegna come gestire al meglio la postura ed i movimenti del corpo mentre si suona, nonché come costruire una propria “valigia del vibrato”.

Tutte regole molto precise e semplici con l’unico scopo di rendere liberi per interpretare il Concerto secondo le circostanze in cui venne scritto, che nell’ideologia di Amit Peled è sempre il punto di partenza per capire come suonare un brano.

Sull’interpretazione del tempo, qui abbiamo un esempio di come contare e come arrivare all’apice di una frase con perfetta scelta di tempo e suono.

Masterclass registrata nel Maggio 2015 da iClassical Academy

Guarda l’intera Masterclass qui
I lettori di ARCHI magazine possono usufruire di uno sconto del 10% sulle Masterclass della iClassical Academy a questo link