Lunedì presentazione in streaming del piano di salvaguardia del 'saper fare liutario tradizionale cremonese'

Image

Insieme di saperi preziosi, da cinque secoli trasmessi di generazione in generazione, il Saper fare liutario cremonese fa parte di quelle tradizioni vive che, accanto a monumenti e collezioni di oggetti, costituiscono il Patrimonio Culturale dell’Umanità: conoscenze e competenze che vanno salvaguardate affinché perdurino nel tempo. Per questo il Comune di Cremona, insieme all’Ufficio Regionale Unesco per la Scienza e la Cultura in Europa, al Ministero della Cultura e alla Regione Lombardia, chiama a raccolta l’intera comunità patrimoniale per definire forze, debolezze, sfide e opportunità della liuteria cremonese e per individuare pratiche e strategie di salvaguardia. Lunedì 10 maggio alle 11:30 verrà dunque presentato all'Auditorium "Arvedi" del Museo del Violino un piano di azioni a salvaguardia della liuteria cremonese tradizionale. Sarà possibile seguire l'evento sul canale YouTube del Museo.

Questa l'agenda degli interventi previsti:

h.11:30 | Saluti e apertura dei lavori
Gianluca Galimberti, Sindaco di Cremona

h.11:35 | Aspetti generali della Convenzione UNESCO sulla salvaguardia del patrimonio culturale intangibile” 
Tullio Scovazzi, Professore ordinario di Diritto internazionale dell’Università degli studi di Milano-Bicocca

h.11:55 | "La valorizzazione del patrimonio culturale immateriale a livello regionale”
Simona Martino, direttore vicario DG Autonomia  e Cultura, Regione Lombardia

h.12:00 | “La salvaguardia del patrimonio immateriale UNESCO nella governance a livello nazionale”
Mariassunta Peci, direttore del Servizio II - Ufficio UNESCO, Segretariato Generale del MiC

h. 12:10 | “Il patrimonio culturale immateriale e gli strumenti normativi, conoscitivi e di salvaguardia”
Ana Luiza Thompson-Flores, direttore, UNESCO – Ufficio Regionale per la Scienza e la Cultura in Europa

h. 12:20 | “Cremona, il territorio e la liuteria: un ponte tra l’Italia e il mondo. L'esperienza di Vienna”
Giorgio Marrapodi, ambasciatore, direttore generale per la cooperazione allo sviluppo - MAECI, e membro del Consiglio direttivo della Commissione Nazionale per l’UNESCO

h. 12:30 | “Il piano di salvaguardia del saper fare liutario tradizionale cremonese: temi, metodi, esperienze e sessioni di lavoro”
Elena Sinibaldi, Focal Point - Convenzione UNESCO 2003 MiC
Maria Agostina Lavagnino, Archivio di etnografia e storia sociale di Regione Lombardia
Benedetta Ubertazzi e Valentina Lapiccirella Zingari, Rete globale facilitatori formati UNESCO

h. 13:05 | Conclusione e saluti

Moderatore: Giovanni Palisto, giornalista di Cremona 1

Altre News