Lago Trasimeno: al via Accademia Isola Classica & Festival 2021. Ospite d'eccezione Steven Isserlis

Image

Accademia Isola Classica & Festival da quattro anni porta in Italia dodici giovani violinisti, violisti e violoncellisti provenienti da università e conservatori di tutto il mondo per partecipare a masterclass di alto perfezionamento musicale totalmente gratuite. Sessioni di studio e concerto dove il loro straordinario talento è sostenuto grazie alla guida dei violinisti Mi-kyung Lee e Vlad Stanculeasa, del violista Ettore Causa e del violoncellista Antonio Lysy.

Nell’edizione 2021 di Accademia Isola Classica & Festival - all’Isola Maggiore del Lago Trasimeno da sabato 28 agosto a sabato 4 settembre con sei concerti, incontri, eventi e sessioni di studio - i protagonisti saranno i dodici giovani musicisti, selezionati tra una rosa di oltre 200 candidati, già vincitori di concorsi internazionali e con carriere concertistiche e cameristiche avviate. Hanno tutti tra i 15 e i 27 anni e tra questi ci sono anche due italiani, Silvia Gira e Alessandro Mastracci.

Quest’anno anche un ospite d’eccellenza: Steven Isserlis che vivrà Accademia Isola Classica & Festival insieme ai giovani artisti e ai Maestri per quattro giornate di musica tra masterclass e il concerto gratuito di giovedì 2 settembre in cui eseguirà la Sonata op.40 di Shostakovich, From Jewish Life di Bloch, la Sonata n.1 op.32 di Saint-Saëns e Carmen Fantasy di Hollman, accompagnato al pianoforte da James Maddox.

È Vlad Stanculeasa, direttore artistico di Accademia Isola Classica & Festival a raccontarci questa realtà unica nel panorama europeo alla vigilia della sua quarta edizione. «Accademia è un’esperienza di formazione immersiva, un percorso di alto perfezionamento musicale totalmente gratuito per i giovani artisti, ai quali viene offerto vitto e alloggio ma soprattutto la straordinaria occasione di esibirsi in concerto some solisti e in formazione di quartetto con i professori di accademia. Questa è un’esperienza di confronto quotidiano e costante in cui tutti vivono a stretto contatto. Un flusso di crescita che non si arresta mai per una settimana. Anche a pranzo giovani e professori mangiano insieme e il dialogo continua. Questo regala ai giovani un’esperienza gratificante dal punto di vista personale e formativo. Quest’anno potranno addirittura vivere da vicino e conoscere personalità illustri come Steven Isserlis. Il valore aggiunto di un confronto e un contatto aperto con i grandi della musica, che è difficile capiti altrove».

Perché una realtà come Accademia si trova proprio ad Isola Maggiore del Lago Trasimeno?

«Perché Isola è il luogo perfetto per noi musicisti. Qui il tempo si ferma e abbiamo il silenzio e gli spazi che ci danno la possibilità di concentrarci sullo studio in maniera intensa. Possiamo studiare dalla mattina alla sera, senza limiti di orario. È un ambiente protetto dall’atmosfera unica. Non dovete farvi ingannare dal nome “Maggiore”, Isola è grande solo 23 ettari per due chilometri quadrati. C’è un antico borgo fatto di case di mattoni e pietra, le splendide chiese che ospitano i nostri concerti e le sessioni di studio, qualche bottega artigiana, qualche pescatore, due ristoranti e tre bar. Niente macchine. Ci si sposta solo in bicicletta e a piedi. Ad abitare qui durante l’anno siamo solo in quindici. Quando d’estate torna Accademia con i suoi giovani artisti l’Isola si ripopola e risuona diventando una vera e propria isola della musica. Questo ambiente così intimo e riservato è il luogo ideale per l’incontro tra noi musicisti, dove poter vivere un’esperienza autentica di scambio interpersonale e professionale».

Come è nata Accademia Isola Classica & Festival?

«Accademia è nata dalla convinzione che come musicisti abbiamo un preciso dovere nei confronti delle nuove generazioni di artisti. Noi che facciamo musica non possiamo limitarci ad avere uno sguardo esclusivo sulle nostre personali carriere, ma dobbiamo sostenere i giovani talenti nella difficile strada verso il professionismo della Classica. Moltiplicare il valore delle nostre esperienze condividendolo con i più giovani e restituire quanto di buono abbiamo vissuto e imparato nei nostri percorsi artistici. È uno scambio prezioso e una crescita per tutti noi. Accademia è un luogo di cultura che moltiplica cultura, dove l’eccellenza si lega alla responsabilità. È un luogo aperto ai giovani e al pubblico che non può che essere invitato a condividere con noi questa bellezza».

* * *

Sono sei i concerti gratuiti aperti al pubblico, su prenotazione obbligatoria. Sabato 28 agosto alle 20 in Piazza ad Isola Maggiore l’inaugurazione di Accademia Isola Classica & Festival con il concerto “DVORAK E BRAHMS” con i Maestri dell’Accademia: il Trio per pianoforte e archi “Dumky” op.90 di Dvořák con Mi-kyung Lee, Antonio Lysy accompagnati al pianoforte da Lorena Tecu, e il Quartetto per pianoforte e archi op.25 di Brahms con Vlad Stanculeasa, Ettore Causa, Antonio Lysy con James Maddox al pianoforte. Giovedì 2 settembre alle 20 il concerto di Steven Isserlis che eseguirà musiche di Shostakovich, Bloch, Saint-Saëns e Hollman, accompagnato al pianoforte da James Maddox. Venerdì 3 e sabato 4 settembre alle ore 11 i recital dei giovani artisti di Accademia da solisti. Nella serata di venerdì 3 settembre nella Chiesa di San Salvatore e nel maxischermo in piazza i Maestri di Accademia con i giovani talenti in concerto in “RUSSIAN HERITAGE” con musiche di Prokofiev, Borodin e  Shostakovich. Sabato 4 settembre la serata conclusiva del festival con il concerto di Maestri e giovani talenti dedicato a “LA SCUOLA NAZIONALE CECA” con musiche di Janàček e Dvořák. Per maggiori informazioni: www.accademiaisolaclassica.com

Altre News