Ultimo numero

maggio-giugno 2019

Image

Acquista la rivista cartacea                                     Acquista in versione pdf

Come anticipato sull’ultimo numero, siamo lieti di dedicare quest’uscita alla straordinaria didatta ungherese Kató Havas, scomparsa il 31 dicembre scorso alla veneranda età di 98 anni. Ciò che forse più colpisce di lei è l’incredibile energia con la quale insegnò fino alle ultime  settimane di vita. Un’energia nella quale era condensata la sua gioia di vivere, la sua vivacità intellettuale e il suo approccio al violino, ispirato alla libertà e alla festosità nel far musica dei musicisti gitani conosciuti in gioventù. Una ventina di anni dopo aver cessato - ancora molto giovane - l’attività concertistica per dedicarsi alle tre figlie, intraprese una nuova carriera con il violino, questa volta come insegnante. Si rivelò presto una didatta fuori dal comune: la chiamarono a tenere lezioni all’Università di Oxford, a dare seminari e dimostrazioni in televisione e workshop presso Scuole, Accademie ed Atenei in tutto il mondo. Scrisse tre libri fra i quali, nel 1961, A New Approach to Violin Playing, tradotto in una decina di lingue e considerato oggi il suo lascito artistico. Il New Approach è stato descritto come un sistema rivolto a prevenire ed eliminare tensioni ed ansie mettendo allo stesso tempo in evidenza gli aspetti fisici, psicologici e sociali di un’esecuzione violinistica, sebbene questi principi siano altrettanto validi per qualsiasi strumento.

Fuori dall’ordinario è anche il protagonista di Grandi Strumenti che ci presenta il curatore del Museo del Violino Fausto Cacciatori: il violino piccolo di Lorenzo Storioni del 1793, acquistato dal Comune di Cremona con il supporto del Gruppo Bracco e oggetto di un articolato intervento di analisi e restauro. Il 5 aprile lo strumento è entrato a far parte delle Collezioni Civiche Liutarie del Comune custodite dall’MdV. Si tratta del primo esemplare di questo autore: un completamento importante per documentare la storia della tradizione liutaria cremonese.

Non poteva infine mancare, come ormai ogni anno, il nostro focus dedicato ai corsi estivi: una  presentazione delle principali Accademie di perfezionamento in Italia e, nella rubrica Corsi e Masterclass, un elenco di oltre cento proposte di studio, per trascorrere un’estate all’insegna della musica.

Per la rubrica L'Angolo del Quartetto Simone Gramaglia analizza e confronta tre incisioni del Quartetto per archi in Re minore K421 di W.A. Mozart. Le interpretazioni proposte «appartengono a momenti storici differenti e danno voce a tre ensemble dall’identità molto forte: Quartetto Amadeus (1954), Quartetto Emerson (1991) e Quartetto Hagen (2001)».

Domenico Nordio in ControArco si domanda cosa vuol dire per un musicista "essere famoso" al giorno d'oggi e se ne valga veramente la pena...

Nella sezione dedicata alla didattica Alfredo Trebbi si occupa di dinamica e agogica, paragonandole... a due cavalli guidati da un'auriga!
Marco Fiorini invece analizza il primo movimento del Concerto per violino n.5 op.37 di Henri Vieuxtemps, un'opera nella quale «l’intento virtuosistico-dimostrativo e il lirismo intenso e raffinato raggiungono una peculiare fusione reciprocamente funzionale, che conferisce al brano - nonostante il forte debito nei confronti dell’epoca e della tradizione musicale nelle quali è stato concepito (o forse proprio per questo) - un indubbio fascino».
Ursula Schaa (spazio ESTA) presenta infine un elenco di Studi, "Una piccola guida per i giovani violinisti e i loro maestri", articolato in testi tradizionali, moderni, con cambi di posizione, proposte per lo studio dei bicordi.

Completano poi questo numero un reportage sull'ultima edizione del Premio Francesco Geminiani di Verona, un servizio sulle novità per archi presentate alla Musikmesse di Francoforte, un'articolo sulle aste di strumenti musicali tenute a marzo, un'ampia sezione dedicata alle ultime notizie, una doppia intervista a cura di Silvia Mancini ai Primi Contrabbassi del Gran Teatro La Fenice di Venezia - Stefano Pratissoli e Matteo Liuzzi -, oltre alle consuete rubriche di concerti, corsi e masterclass, concorsi, audizioni per orchestra.