Ultimo numero

novembre-dicembre 2018

Image

A cento anni dalla sua nascita e a trenta dal suo ultimo, indimenticabile concerto al Teatro alla Scala e dalla sua morte avvenuta poco dopo, ripercorriamo con Danilo Prefumo la straordinaria vita di Henryk Szeryng, il violinista più cosmopolita della sua generazione che seppe sapientemente coniugare il concertismo frenetico con la dedizione per i propri allievi e con l'attività di ambasciatore culturale del Messico. Allievo prediletto di Carl Flesch e Jacques Thibaud, come ha efficacemente riassunto Carlo Bellora in un recente saggio: «si fece apprezzare per la sua perfetta tecnica strumentale, la sua versatilità, unita ad una particolare eleganza». Ancora oggi le sue incisioni risultano attuali e molte rimangono tuttora di riferimento per le nuove generazioni di violinisti e appassionati.

A poche settimane dalla pubblicazione di un volume sulla liuteria toscana, frutto di quasi dieci anni di ricerche in collaborazione con gli organologi Gloria Leitao Venceslau e Gabriele Rossi Rognoni, abbiamo chiesto all'autore, Florian Leonhard, di anticiparci uno degli oltre cinquanta strumenti che ne sono illustrati. Troverete quindi, nella rubrica Grandi Strumenti, un raro violoncello realizzato a Firenze intorno al 1770 da Luigi Piattellini, oggi parte della Collezione del Chimei Museum di Taiwan.

Abbiamo poi dedicato due ampi servizi a due prestigiose competizioni internazionali che abbiamo seguito a settembre: l'ARD di Monaco di Baviera, dominato nelle categorie Viola e Trio con pianoforte da musicisti dell'Estremo Oriente, e il Concorso Triennale di Liuteria "A. Stradivari" di Cremona, dove un violino e un violoncello sono saliti sui gradini più alti del podio conquistando l'ambitissima Medaglia d'oro (non succedeva rispettivamente dal 2012 e dal 2009) ed entrando così a far parte della Collezione Permanente di Liuteria Contemporanea del Museo del Violino. Al termine della Triennale abbiamo poi raggiunto per un bilancio finale il nostro collaboratore Alberto Giordano, che come componente della giuria dei liutai ha analizzato oltre 300 strumenti in gara provenienti da tutto il mondo.

Su questo numero torniamo a parlare di corde con il nostro esperto Bruno Terranova che ha raccolto e testato per noi tutti i nuovi prodotti per violino, viola, violoncello e contrabbasso usciti nel 2018.

Per la rubrica L'Angolo del Quartetto Simone Gramaglia analizza e confronta le tre migliori incisioni del Quartetto per archi di Maurice Ravel: quelle dell'International String Quartet (1927), dell'Hagen Quartett (1994) e del Quatuor Ebène (2008).

Nella sezione dedicata alla didattica Alfredo Trebbi riflette su «uno degli aspetti più “indigesti” dello studio per l’aspirante musicista, quello della ripetizione, ossia dell’utilizzo di essa come metodo con cui pervenire all’eccellenza», elaborando - nel suo originalissimo stile yoghico - una Filosofia della Vera Ripetizione. Marco Fiorini invece propone degli esercizi per rilassare e ricercare la flessibilità dell'arco.

Completano poi questo numero un'ampia sezione dedicata alle notizie, una doppia intervista alle Prime Viole de I Pomeriggi Musicali Laura Vignato e Lizabeta Soppi, oltre alle consuete rubriche di concerti, corsi e masterclass, concorsi, audizioni per orchestra.

Ricevi a casa la rivista                                      Acquista in versione pdf