Addio a Montserrat Cervera, la Signora del violino che ha forgiato generazioni di musicisti

  • Il Quartetto Brahms

  • Il debutto con I Musici

  • Il Quartetto Carmirelli

  • Il Quintetto Boccherini

Una folla commossa e formata in prevalenza da musicisti ha dato ieri a Roma l’ultimo saluto alla violinista Montserrat Cervera, scomparsa domenica scorsa all’età di 93 anni. Di origini catalane, era nata nel 1927 a Cuba, dove il padre Ernest insegnò musica e fondò la Cuba Symphony Orchestra. Era la sorella del noto violoncellista Marçal Cervera, scomparso l’anno scorso, allievo di Casssadò e Tortelier e Prima Parte dell’Orchestra da Camera di Losanna nonché docente in importanti conservatori tedeschi, come quelli di Colonia e Friburgo.

Trasferitasi in Italia dopo gli studi con Joan Massià e Georges Enesco, Montserrat fece parte di diverse formazioni cameristiche, come il Quartetto Brahms (insieme al fratello Marçal), il Quartetto Carmirelli e il Quintetto Boccherini; complessi oggi forse poco noti alle nuove generazioni ma che riunivano alcuni tra i migliori musicisti dell’epoca. La Cervera fece poi parte della primissima formazione de I Musici con i fondatori del gruppo, quella che fece la famosa audizione con Toscanini grazie alle quale avvenne il vero lancio dell'ensemble, e compare poi come solista nel primo disco in assoluto registrato da I Musici.

Insegnò inoltre per decenni in diversi Conservatori italiani, forgiando decine di violinisti, molti dei quali divenuti apprezzati professionisti, come suo figlio Marco Fiorini, oggi Primo Violino di Spalla de I Musici. Fece anche spesso parte di giurie di concorsi nazionali e internazionali. Allievi e colleghi la ricorderanno a lungo per la sua grande energia vitale, la disciplina, il rispetto e l'onestà che aveva nei confronti della musica.