Una richiesta d'aiuto per salvare la violinista Corinne Chapelle

Image

A lanciare per primi l'appello in Italia sono stati Lorenzo Cinatti e Alexander Lonquich, rispettivamente  Sovrintendente e Direttore Artistico della Scuola di Musica di Fiesole: «Scriviamo per rendervi partecipi di una drammatica richiesta di aiuto che giunge dal mondo della musica: ci stiamo stringendo intorno a Corinne Chapelle, fantastica violinista franco-americana che, dopo severi studi e la vittoria di importanti concorsi internazionali, ha intrapreso una brillante attività concertistica come solista presso le orchestre più prestigiose e accanto a celebri colleghi».

A Corinne Chapelle, che vive in Inghilterra - ha oggi 46 anni ed una figlia di sei - è stata recentemente diagnosticata una grave forma di cancro che non è possibile sottoporre ad intervento chirurgico, ma può essere trattata con ottime speranze di successo in Germania e in Svizzera. Le terapie necessarie sono purtroppo particolarmente onerose sul piano economico, e così si è lanciato un crowdfunding link per raggiungere la somma necessaria ad intraprendere il percorso di cura, il cui costo è di 300.000 sterline.

«Ciascuno di noi può dare il suo contributo, e non solo in denaro: sarebbe davvero importante riuscire a far giungere questo appello ad enti, fondazioni, associazioni o istituzioni la cui partecipazione potrebbe risultare decisiva per il raggiungimento dell’obiettivo e salvare la vita di Corinne».

La campagna di raccolta fondi è stato firmata e condivisa da molti grandi nomi del concertismo internazionale, tra cui i violinisti Salvatore Accardo, Corina Belcea, Nicola Benedetti, Vilde Frang, Roberto Gonzalez-Monjas, Aleksey Igudesman e Julian Rachlin, e i violoncellisti Nicholas Altstaedt, Maja Bogdanovic, Maximilian Hornung e Rafael Rosenfeld.

È possibile effettuare una donazione a questo link.

 

L'appello di Salvatore Accardo: